Archivi categoria: Senza categoria

Recensione “Le avventure del piccolo Ilian” di Giulia Bacchetta.

Buon pomeriggio lettori,

penso che questo sarà tra gli ultimi post che scriverò in questa piattaforma, a breve il blog cambierà anche perchè questo mi sta creando qualche problemino. Sto lavorando per voi.. 😉

Le avventure del piccolo Ilian

copertina
copertina

TRAMA

L’antico borgo di Ciccia Lunga sorge arroccato su di un colle alle falde del Gran Sasso abruzzese; qui vive un bambino, buffamente paffuto, e con la passione per le pentole. Non solo! Perché questo simpatico bimbo di nome Ilian, è un gran mangione e al quanto sognatore; un giovane avventuriero si potrebbe dire, nonostante abbia solo tre anni, e un ingombrante pannolino sulle sue grassocce chiappe.

Il piccolo Ilian, bambino vivace e sempre pronto all’avventura, vive in una grande casa immersa nel verde, insieme a sua mamma e al suo babbo. Poiché impegnati a lavorare tutto il giorno, il piccolo e maldestro Ilian, trascorre le sue giornate in compagnia della cara nonna Gilda, chiamata da lui : la vecchia regina!

Ma Ilian ha tante sfide da affrontare e tanti sogni da realizzare, e con ciò, la sua caparbietà e sagacia lo vedrà far fronte alle premure della nonna così come ai nemici del suoi grandi viaggi. Pentole scovate e vette d’acciaio da scavalcare; inchiostri da recuperare, e pareti di giallo da tinteggiare, non costituiranno le uniche sfide che vedranno guerriero il nostro piccolo Ilian. Ombre misteriose e giochi di compagnia, potrebbero arricchire di bontà il cuore del piccolo avventuriero. Personaggi del passato, incontrati fra le righe di pagine e chissà, qual è il loro nome? Magari Ilian, lo scoprirà. Sempre in compagnia del suo insostituibile “amico” ciuccio, Ilian ha molte sfide da affrontare. E come poter mancare le tanto attese morali a fine racconto? Nonna Gilda vi lascerà un piacevole augurio della buonanotte con cinque semplici consigli ciascuno dei quali vi ricorderà le cinque simpatiche avventure del piccolo Ilian.
 
RECENSIONE
Le avventure del piccolo Ilian è un racconto graziosissimo scritto dalla bravissima Giulia Bacchetta, che mi aveva già conquistata con “Emma Braccani: perchè io non posso” ,( per chi volesse sapere qualcosa in più su questo romanzo, l’ho recensito qualche tempo fa).
Ilian è un piccolo paffutello che saprà conquistarvi, che vi farà ridere  e riuscirà anche a insegnarvi qualcosa, un piccolo combina guai che ficca il naso un pò ovunque. Un racconto leggerissimo che porta molta spensieratezza, l’ho trovato adattissimo da leggere ai bambini, si divertiranno molto.  Consigliato anche per le mamme che vogliono far leggere qualcosa ai loro figli che hanno da poco iniziato a leggere, lo stile di scrittura è semplice e scorrevole.
Purtroppo non posso dire altro perchè rischierei di rivelare troppo e rovinarvi la lettura 🙂
Corro a leggere le avventure del piccolo Ilian ai miei cuginetti 🙂
Complimenti alla scrittrice 😉
Un Abbraccio 🙂
14803256_10209305925023594_139480776_o (1)

[BLOG TOUR] Federica Di Iesu “Come polvere tra pagine e stelle”. II Tappa.

Buongiorno lettori,

oggi vi presento la seconda tappa del BlogTour del libro “Come polvere tra le stelle”. Vi faccio conoscere i personaggi di questo bellissimo romanzo, che è riuscito a conquistarmi fin da subito.

(Per chi si fosse perso la prima tappa vi invito a visitare il blog: voglioesseresommersadailibri.blogspot.it.)

Vi ricordo che alla fine del BlogTour ci sarà su super mega giveaway di cui vi parlerò alla fine dell’articolo.

14803256_10209305925023594_139480776_o (1)

 

I PERSONAGGI

Zoe e Irene sono le protagoniste di “Come polvere tra pagine e stelle” , due belle donne, forti e determinate che riescono a completarsi a vicenda, tra di loro si crea fin da subito una piacevole complicità che da vita ad un’amicizia bellissima, loro due insieme riescono a rendere questa storia spumeggiante e divertente.

Zoe Lazzaretti è una donna di trentanove anni, un’ aspirante scrittrice. Lei è una donna ricca di qualità, una vera tuttofare,che si è impegnata in diversi lavori, ha un bel carattere, è onesta e molto premurosa. Nonostante sia stata ferita riesce ad essere allegra, è molto intelligente e determinata. A primo impatto sembrava una donna fin troppo precisina ma man mano che la storia prendeva forma si è rivelata un personaggio affabile.

Irene, è un’archeologa, chi ha già letto i precedenti libri di Federica di Iesu in questo libro potrà scoprire una parte di lei che prima non era mai saltata fuori. Irene è sempre la solita burlona che organizza giochetti e scherzetti, è sempre una curiosona ed è affascinata da tutto, una donna coraggiosa e intraprendente ma in questo romanzo ho scoperto che sotto la sua corazza si nasconde una donna che ama, che ha delle “fragilità” ma che riesce sempre ad essere forte e risoluta.

Luca Michetti, è un affascinante quarant’enne. Alto, addominali scolpiti e occhi azzurri, in poche parole l’uomo dei sogni di ogni donna. È un personaggio che va scoperto, sotto un bel fisico sexy si nasconde sempre qualcos’altro. Ho apprezzato moltissimo questo personaggio per la sua correttezza e la sua lealtà.

Samuele, un uomo affascinante, che si occupa di arte, l’abbiamo già conosciuto in “Un istante per sempre” ( libro scritto da Federica Di Iesu), ha una relazione con Irene ma.. lo scoprirete leggendo!!

Virginia De Santis, questo personaggio non appare fisicamente nella storia, ma ne occupa un ruolo davvero importante. Una bellissima donna nobile che nasconde un mistero che vi terrà incollati al libro fino alla fine.

Mercoledì, è una gattina bellissima, è nera e dolcissima. È sempre pronta a “consolare” le nostre protagoniste, quindi per me è diventata un personaggio a tutti gli effetti.

 

 

copertina
copertina

Dopo avervi incuriosito con i personaggi, vi lascio tre piccole frasi che mi hanno colpito e che vi faranno amare questo romanzo 😉

  • ..Alcune cose non si valutano, si vivono semplicemente, ma sapere cosa si vuole, rinunciando apparentemente a una fugace felicità, non è sbagliato..
  • .. Sperare di cambiare le cose, non significa essere poco reali, vuol dire che hai dei progetti, dei piani, delle ambizioni, ma ne conosci i limiti e le potenzialità. ..
  • ..”è pericoloso conoscere una scrittrice.” ..”Perchè?” Ride..”Perchè potrei trovarmi in un qualche libro senza nemmeno saperlo.”..

 GIVEAWAY

Per partecipare al giveaway, per poter vincere una copia ebook del libro
“Un istante per sempre”, dovete semplicemente commentare ogni tappa del tour.
 Verranno estratti anche 5 vincitori che si aggiudicheranno:
1° premio: Copia cartacea “Come polvere tra pagine e stelle” + segnalibro con ciondolo
2° premio: Copia cartacea “Un istante per sempre” + segnalibro con ciondolo
3° premio: Copia cartacea “Caffè e trucioli di sole” + segnalibro con ciondolo
4° premio: Copia cartacea “Carino, ma non è il mio tipo” + segnalibro con ciondolo
5° premio: Copia cartacea “Un treno in corsa” + segnalibro con ciondolo

 

 Potete acquistare “Come polvere tra pagine e stelle” online su moltissimi store tra cui : Mondadori, Ibs.it e Amazon.it

 

Grazie per aver letto questa seconda tappa del BlogTour di “Come polvere tra pagine e stelle”  e buona fortuna!!!

(Per chi non riuscisse ad iscriversi al blog mi contatti in direct su Instagram @la_biblioteca_di_stefania)

Recensione La Valle dei Cadaveri di Antonio Invernici

Buona sera 🙂

con un pò di riardo riesco a pubblicare la recensione di “La valle dei cadaveri” di Antonio Invernici, libro avuto tramite la collaborazione con il sito internet www.trhillernord.it.

cadaveri

Autore: Antonio Invernici
Editore: Newton Compton
Pagine: 473
Genere: Thriller
Anno Pubblicazione: 2016

TRAMA

Lago di Como, primi giorni d’estate. Benedetta, diciassettenne appartenente a una famiglia influente e facoltosa, scompare nel nulla. Il suo motorino viene ritrovato sul fondo di una scarpata, in una zona isolata e impervia, tra le montagne. Il commissario Gropello e la sua squadra, a cui è stato assegnato il caso, devono perciò scartare l’ipotesi di una fuga volontaria e cercare un’altra pista, ma gli indizi sono davvero pochi. A mettersi sulle tracce del vero responsabile del rapimento, anche se all’inizio solo per gioco, sono invece Federico e Massimo, due ragazzi che stanno trascorrendo le vacanze a Nisio, un paesino abbarbicato sulle pendici della tetra Valle dei Cani, vicino al bosco dov’è stato abbandonato lo scooter. La polizia riuscirà a risolvere il caso prima di loro e a ritrovare Benedetta sana e salva?
Quella che sembrava una tranquilla realtà di provincia si trasforma in un paesaggio inquietante, intriso di violenza. Lo sciabordio sinistro delle onde del lago e il cupo silenzio dei boschi diventano il palcoscenico di uno spettacolo perverso, in cui tutti gli attori, sia gli adulti che gli adolescenti, risulteranno colpevoli.

RECENSIONE

Un libro ricco di colpi di scena sin dal primo capitolo, un intreccio di diverse storie tutte ben articolate e curate nei minimi particolari.
Tutto gira intorno a un piccolo paesino, Nisio, un piccolo borgo in montagna descritto benissimo, a tratti sembra quasi di percepire il rumore degli alberi, il profumo della campagna. La bellezza del paesaggio è però contrastata dalla realtà cruda di ciò che si svolge nei sotterranei di fattorie e mulini abbandonati.
Riusciamo ad immergerci nella natura e nei segreti di Nisio grazie a Massimo, Federico e Metz, tre ragazzini che passano le vacanze nel paesino.
Tutto parte dalla scomparsa di Benedetta, una ragazza bellissima e soprattutto ricchissima.
Federico e Massimo, sono convinti di poterla aiutare e iniziano ad “indagare”.
In tutto questo viene coinvolta una squadra di poliziotti, un team che cerca di rimanere in piedi dopo un tragico evento.
Questa parte del libro è quella che ho preferito in quanto evidenzia le difficoltà che affrontano ogni giorno le forze dell’ordine.
La polizia indaga sulla scomparsa di Benedetta ma si trova a fare i conti con un giro di soldi e potere che mi ha fatto davvero paura, qualcosa di schifoso.
L’autore grazie alla sua precisione, alla sua bravura nel descrivere lo stato emotivo dei personaggi e alle descrizioni crude degli avvenimenti riesce a far venire i brividi.
Leggendo questo libro a tratti si riesce ad avere la pelle d’oca.
Finale assolutamente inaspettato, geniale!

Emma Braccani: perchè io non posso

Buonasera 🙂

Finalmente posso pubblicare la recensione di questo libro che mi è stato dato direttamente da Giulia Bacchetta, l’autrice. Avevo già parlato di questa scrittrice e di questo libro in un post  qualche mese fa adesso dopo averlo letto posso finalmente recensirlo.

Emma Braccani: perchè io non posso.

emma

RECENSIONE

Emma Braccani: perchè io non posso lo definisco un  bel libro nonostante tratti un tema orribile, una questione complessa e purtroppo fin troppo diffusa: la violenza. La protagonista Emma Braccani è un adolescente costretta a vivere una situazione terribile, un vero e proprio dramma familiare. Emma convive con la tirannia del padre, insieme alla mamma Rosa, una donna dolcissima ma debole che subisce, senza avere la forza per difendersi, e insieme a Marta, la sorella maggiore, estroversa e ribelle. La violenza di un padre tiranno, l’abbandono da parte di chi si è ritenuto amico e invece non lo era, la mancanza di amore sono tutti elementi che rendono Emma una ragazza forte e matura che cerca in tutti i modi di denunciare il padre.  Roberto ( il padre) è senza dubbio il personaggio che più ho odiato, il comportamento disgustoso che riserva alle sue figlie e alla moglie mi ha fatto rabbia, mi ha fatto pensare a tutte quelle donne che subiscono ogni giorno questo tipo di violenze e che non hanno il coraggio di denunciare. La minuziosità delle descrizioni e dei dialoghi hanno suscitato in me sensazioni ed emozioni vere, questo libro in un certo senso mi ha aperto la mente, mi ha fatto capire che la cosa più giusta è denunciare, non bisogna mai lasciar correre.

 

“La sconosciuta della porta accanto” di Beth Miller. Recensione.

 

Buon pomeriggio 🙂 ,

oggi posso finalmente pubblicare qualcosina. Da circa un mesetto ho stretto una collaborazione con il sito “www.thrillernord.it”  (per chiunque volesse visitarlo vi lascio il link alla fine del post). La recensione che sto per farvi leggere è stata scritta da me ed è già stata pubblicata sul sito.

La sconosciuta della porta accanto

accanto

TRAMA

Da mesi Minette ha a che fare con dei vicini da incubo, che le hanno reso la vita un inferno lamentandosi in continuazione per il rumore provocato da Tilly, la sua bambina.
Ora finalmente i Milton hanno traslocato e Minette è felicissima quando scopre che nella casa accanto alla sua sta per trasferirsi Cath, madre di due bambini. Ben presto la nuova vicina diventa una persona speciale per lei, una confidente, un’amica e… la babysitter di sua figlia. Ma Cath, a differenza di Minette, si dimostra molto più riservata ed è riluttante a parlare del suo passato.
E quando Minette assiste a qualcosa di irripetibile, inizia a chiedersi se conosce davvero la sua nuova vicina di casa.

RECENSIONE

Un thriller intrigante che riesce a coinvolgere totalmente il lettore. La lettura dei primi capitoli è andata un po’ a rilento, ma non appena la trama ha cominciato ad infittirsi, non sono più riuscita a staccarmi da questo libro. Le descrizioni sono ben curate e dettagliate, rendono la storia ancora più interessante e coinvolgono totalmente chi legge.
Molti colpi di scena e capitoli che lasciano con il fiato sospeso incuriosiscono il lettore e lo spingono a continuare fino alla fine della storia.
Un libro che sottolinea il concetto “l’apparenza inganna”, chi sembra perfetto in realtà non lo è. L’elemento chiave di questo libro è la suspance, è tutto un susseguirsi di eventi misteriosi che portano a un finale molto carino, e, anche se avrei preferito qualcosa di più sconvolgente, sono comunque molto soddisfatta.
Una lettura leggera e scorrevole, perfetta per le vacanze estive.

Link sito ThrillerNord: http://www.thrillernord.it/index.html

Trama e commento di “Incantesimo” di Rachel Hawkins.

Buonasera Lettori 🙂 ,

Oggi vorrei parlarvi della mia ultima lettura : Incantesimo, il primo volume della trilogia “The Prodigium Trilogy” della scrittrice Rachel Hawkins.

Ho comprato questo libro perchè sul web tantissime persone ne parlano bene, ho letto la trama, varie recensioni e mi ha incuriosito parecchio, appena ho avuto la possibilità l’ho acquistato.

13570353_10208325571435367_1415372054_o

 

“Benvenuti nella scuola dove è normale essere speciali” , dopo aver letto questa frase in copertina non vi nego che ho pensato subito ad Harry Potter e ho temuto che fosse una copia di esso ( sappiamo tutti che dopo il grande successo di Harry Potter molti autori hanno tentato di scopiazzare ). Nei primi capitoli si conosce Sophie, la protagonista, che viene spedita alla Hecate Hall (un riformatorio per prodigium). La ragazza non è entusiasta di questa “scuola” , fa amicizia con Jenna, una vampira,che tutti odiano e prende una cotta per il ragazzo che tutti amano. La lettura è leggera ma a tratti mi ha annoiata. La storia è carina ma avrei preferito un pò più di azione, di “combattimenti magici”. La parte più interessante del libro sono sicuramente gli ultimi tre capitoli.Avrei voluto approfondire molto di più la parte finale, questo libro mi ha lasciata con tanti punti interrogativi, è come se avessi riletto la trama solo con più descrizioni e personaggi!  Sinceramente mi aspettavo qualcosa in più da questo romanzo, comprerò il secondo  “Maleficio” proprio per ricredermi.

Se dovessi dare un voto da darei un 5/10.

TRAMA: Sophie Mercer è una ragazza di 16 anni molto particolare. Da tre anni, infatti, ha scoperto di essere una strega: un potere che ha ereditato dal padre e dalla nonna, ma che non sa ancora gestire. Dopo che il suo primo incantesimo durante il ballo scolastico ha causato dei danni e portato grande scompiglio, la madre ha deciso di spedirla alla Hecate Hall, una scuola per ragazzi “speciali”, i Prodigium, dove eccentrici insegnanti faranno in modo che gli adolescenti imparino a usare i poteri con discrezione e soprattutto lontano dagli occhi dei normali, che potrebbero far loro del male. I suoi compagni sono dei tipi strani: mutaforma, streghe, fate, licantropi e vampiri. Per Sophie è difficile ambientarsi: le altre streghe come lei sono superficiali e viziate, se non crudeli e ambiziose, poi si prende una cotta per un giovane stregone irraggiungibile, mentre un fantasma la perseguita e la sua nuova compagna di stanza è la ragazza più odiata e temuta di tutta la scuola. Come se non bastasse, una misteriosa creatura sta attaccando gli stupendi, lasciando due piccoli fori sul collo delle sue vittime, e la prima ad essere sospettata è ovviamente la sua amica Jenna. Ma per Sophie le minacce non sono finite: ben presto scoprirà che un’ organizzazione segreta e potentissima, L’Occhio di Dio, presente ovunque, vuole eliminare dalla faccia della terra tutti i Prodigium, mentre il consiglio la sorveglia. Forse perchè lei è la prima della lista? O forse perchè ha dei poteri di cui non si rende conto?