Archivio mensile:settembre 2016

“L’amore non è per tutti” di Francesca D’Isidoro.

Questa sera doppia recensione 😀 😛 ,

sapete benissimo che amo leggere qualsiasi genere di libro ma la cosa che adoro è poter leggere storie scritte da autori/autrici emergenti.  Molti di voi sono davvero fantastici e meritano tanto. Vi auguro buona fortuna e vi lascio con la recensione di questo libro carinissimo: “L’amore non è per tutti” di Francesca D’Isidoro.

31-pyqYafgL

Titolo: L’amore non è per tutti

Autore: Francesca D’Isidoro

Pagine: 157

Anno pubblicazione: 2016

TRAMA

Vittoria è una ragazza di trent’anni con un’esistenza, tutto sommato, tranquilla: ha un lavoro che la soddisfa; una famiglia solida, anche se un tantino ingombrante e degli amici un po’ impiccioni ma adorabili.
Una mattina, però, il suo bel mondo improvvisamente crolla: Alessio, l’amore della sua vita, l’uomo con cui ha una relazione clandestina da sei anni, sta per sposare la sua fidanzata storica.
Presa dallo sconforto più totale, Vittoria decide così che l’unico modo per buttarsi quell’amore sbagliato alle spalle è rimettersi in gioco. Senza pensarci due volte, accetta un lavoro in un’altra città e ricomincia da zero. Sarà proprio lì che Vittoria incontrerà il dolce e bellissimo Gabriele, con il quale tornerà a vivere, a sorridere e ad amare.
Ma proprio quando la sua vita sembrava aver ripreso la giusta piega, il passato tornerà prepotente a bussare alla sua porta…

RECENSIONE

Un libro frizzante, divertente e leggero. Una storia d’amore complicata e piuttosto intensa ma che riesce ad emozionare e a far sognare. Molte donne si trovano nella stessa situazione della protagonista, Vittoria ,e forse non tutte riescono a trovare la felicità e a ricongiungersi con il vero amore . Nonostante io non condivida i tradimenti, anzi è la cosa che più odio, questo libro è riuscito a coinvolgermi e a farmi innamorare di tutti i personaggi e della trama.  Mi è dispiaciuto tanto per il povero Gabriele, il fidanzato perfetto che tutte vorremmo, però al cuore non si comanda e il vero amore è capace di superare ogni difficoltà. Finale meraviglioso, romanticissimo. Lettura consigliatissima per le romanticone come me ! 😉

Recensione La Valle dei Cadaveri di Antonio Invernici

Buona sera 🙂

con un pò di riardo riesco a pubblicare la recensione di “La valle dei cadaveri” di Antonio Invernici, libro avuto tramite la collaborazione con il sito internet www.trhillernord.it.

cadaveri

Autore: Antonio Invernici
Editore: Newton Compton
Pagine: 473
Genere: Thriller
Anno Pubblicazione: 2016

TRAMA

Lago di Como, primi giorni d’estate. Benedetta, diciassettenne appartenente a una famiglia influente e facoltosa, scompare nel nulla. Il suo motorino viene ritrovato sul fondo di una scarpata, in una zona isolata e impervia, tra le montagne. Il commissario Gropello e la sua squadra, a cui è stato assegnato il caso, devono perciò scartare l’ipotesi di una fuga volontaria e cercare un’altra pista, ma gli indizi sono davvero pochi. A mettersi sulle tracce del vero responsabile del rapimento, anche se all’inizio solo per gioco, sono invece Federico e Massimo, due ragazzi che stanno trascorrendo le vacanze a Nisio, un paesino abbarbicato sulle pendici della tetra Valle dei Cani, vicino al bosco dov’è stato abbandonato lo scooter. La polizia riuscirà a risolvere il caso prima di loro e a ritrovare Benedetta sana e salva?
Quella che sembrava una tranquilla realtà di provincia si trasforma in un paesaggio inquietante, intriso di violenza. Lo sciabordio sinistro delle onde del lago e il cupo silenzio dei boschi diventano il palcoscenico di uno spettacolo perverso, in cui tutti gli attori, sia gli adulti che gli adolescenti, risulteranno colpevoli.

RECENSIONE

Un libro ricco di colpi di scena sin dal primo capitolo, un intreccio di diverse storie tutte ben articolate e curate nei minimi particolari.
Tutto gira intorno a un piccolo paesino, Nisio, un piccolo borgo in montagna descritto benissimo, a tratti sembra quasi di percepire il rumore degli alberi, il profumo della campagna. La bellezza del paesaggio è però contrastata dalla realtà cruda di ciò che si svolge nei sotterranei di fattorie e mulini abbandonati.
Riusciamo ad immergerci nella natura e nei segreti di Nisio grazie a Massimo, Federico e Metz, tre ragazzini che passano le vacanze nel paesino.
Tutto parte dalla scomparsa di Benedetta, una ragazza bellissima e soprattutto ricchissima.
Federico e Massimo, sono convinti di poterla aiutare e iniziano ad “indagare”.
In tutto questo viene coinvolta una squadra di poliziotti, un team che cerca di rimanere in piedi dopo un tragico evento.
Questa parte del libro è quella che ho preferito in quanto evidenzia le difficoltà che affrontano ogni giorno le forze dell’ordine.
La polizia indaga sulla scomparsa di Benedetta ma si trova a fare i conti con un giro di soldi e potere che mi ha fatto davvero paura, qualcosa di schifoso.
L’autore grazie alla sua precisione, alla sua bravura nel descrivere lo stato emotivo dei personaggi e alle descrizioni crude degli avvenimenti riesce a far venire i brividi.
Leggendo questo libro a tratti si riesce ad avere la pelle d’oca.
Finale assolutamente inaspettato, geniale!

Il Volo dei gabbiani di Ginevra Tomas

Buon pomeriggio lettori, sono tornata con una nuova recensione.  Il volo dei gabbiani scritto da Ginevra Tomas è un romanzo che vale la pena di leggere, vi invito ad acquistarlo, non ve ne pentirete!!!

Mi sono impegnata tantissimo per non fare spoiler, vi lascio la trama e subito dopo la recensione.

Buona lettura.

Il Volo dei Gabbiani

Ginevra Tomas

il volo dei gabbiani

TRAMA

Lucia ha solo tredici anni quando tutto ha inizio, eppure è già perdutamente innamorata di Luca, vent’anni, bellissimo e inavvicinabile. Il suo è un sentimento profondo, viscerale, che nasce da un’affinità elettiva che lei ha riconosciuto nonostante la sua giovane età.
Cresciuto con due genitori amorevoli, un fratello e due sorelle, tutti più piccoli di lui, Luca è il tipico bravo ragazzo, serio, di poche parole, educato e maturo, disposto a impegnarsi fino in fondo per raggiungere i suoi obiettivi.
Lucia è poco più di una bambina, ingenua, solare, estroversa e curiosa, sebbene la sua storia sia stata segnata da un passato drammatico che ha lasciato nella sua vita una scia di sofferenza.
Nonostante le differenze un tratto li accomuna: l’amore per la famiglia per la quale entrambi sono disposti a tutto. E per Lucia la famiglia sono due uomini speciali, suo padre Riccardo e nonno Piero, sempre pronti a sostenerla con il loro affetto incondizionato.
E’ proprio nel dramma che il suo destino incrocia quello di Luca in un incontro che cambierà il corso delle loro esistenze.
Sullo sfondo di una Milano di periferia, quella del naviglio Martesana e della sua suggestiva unicità, Luca e Lucia scopriranno, attraverso l’esplorazione dei loro sentimenti e della sensualità, la forza di un legame a cui sembrano predestinati.
Una storia d’amore, d’amicizia e di affetti famigliari autentici in cui tre generazioni si confrontano attraverso vicende che, intrecciandosi, mettono a nudo un’ampia gamma di esperienze e di emozioni, dalla sofferenza più cupa alla passione più ardente, in un unico filo conduttore.

RECENSIONE

Ieri ho concluso questo bellissimo romanzo, capitolo dopo capitolo sono stata come rapita dalla storia e dai personaggi. Il libro si apre con un evento tragico che segna la nostra protagonista Lucia, una ragazzina di 13 anni, una piccola donna segnata da un dolore atroce,il dolore più forte che possa capitare nella vita, la perdita di una madre. Nei primi capitoli troviamo Lucia al funerale della madre,  a cui partecipa anche Luca e la sua famiglia. Luca è il grande amore di Lucia da sempre e incontrarlo le suscita emozioni forti, lui le si avvicina per la prima volta, inserire un incontro tra i due in una situazione forte e triste, nel funerale della madre,poteva essere forzato e fuori luogo ma invece è stato dolcissimo e adatto, l’autrice ha scelto il momento migliore per farmi apprezzare la dolcezza di Luca.  Lucia, la vediamo già una donna adulta dopo qualche capitolo, diventa bellissima, molto educata e rispettosa, riesce a mantenere il suo carattere forte di sempre. L’amore con Luca è stato travolgente, un’ emozione che ha raggiunto il mio cuore, mi sentivo io alle prese con il mio primo amore. I baci e le parti “erotiche” sono pura poesia, non sono mai volgari o troppo spinte, sono semplicemente vere, riescono a coinvolgerti totalmente, sembra di essere in una bellissima favola d’amore. Ho amato tantissimo nonno Piero, il nonno paterno di Lucia, un uomo forte, una roccia, un punto di riferimento importante, lui che da solo si è preso cura del figlio e poi della nipote Lucia, è sempre comprensivo e molto buono. L’amore per Rosa, la “tata” di Lucia, è stato qualcosa di spontaneo e puro, un amore che fa capire che a qualsiasi età è possibile provare un sentimento forte e vero. Ho apprezzato molto anche la figura di Riccardo, il papà di Lucia , un uomo segnato da terribili drammi ma che non si è mai arreso, ha continuato a lavorare e a dedicarsi alla figlia. Il valore principale, oltre a quello dell’amore, è la famiglia. L’ amore per la famiglia è il fulcro del libro.  Sono rimasta colpita dal modo di scrivere dell’autrice, così perfetto, lineare e pulito, ho divorato questo romanzo, ne volevo leggere sempre di più, non riuscivo a smettere, dovevo sapere, dovevo scoprire, un pò perchè Lucia e Luca mi hanno emozionato fin da subito e li ho trovati davvero genuini e veri, un pò perchè mi sono affezionata a tutti i personaggi.

Vi consiglio di acquistarlo, anzi voglio che lo acquistiate,poi mi ringrazierete 😉

Voglio assolutamente il sequel!!!!

Spero di essere stata all’altezza di recensire questo romanzo, ringrazio di cuore Ginevra Tomas per la fiducia che ha riposto in me,  anche per avermi omaggiato questo capolavoro.  Le auguro molto successo e tanta fortuna.

Un bacio, Stefania!